Vermouth Rossi: Cosa sono? Elenco aggiornato 2022 – Mini guida

vermouth rossi

Vermouth Rossi: Cosa sono? Elenco aggiornato 2022 – Mini guida

Vermouth Rossi: Cosa sono? Elenco aggiornato 2022 – Mini guida

Hai mai sentito parlare di Vermouth Rossi?

È probabile che se fai dei cocktail, anche di tanto in tanto, possiedi almeno una bottiglia di vermouth.

Classificato come vino liquoroso e aromatizzato, il vermouth può essere diviso in dolce (o rosso o italiano) e secco (o bianco o francese).

Sebbene a volte sia sottovalutato (e molto spesso conservato in modo errato, va in frigorifero!), il vermouth è parte integrante del cocktail.

La prossima volta che ti godi un ottimo Manhattan o Martini, prenditi il ​​tempo per ringraziare il vermouth, la spina dorsale non così affascinante che sorregge il tuo drink.

vermouth rossiVermouth Rossi: La storia del Vermouth

Il vermouth (Vermouth rossi) ha una ricca storia e tradizioni strettamente legate alla medicina popolare.

A partire dal 1000 a.C. in Cina, le persone mettevano in infusione le piante botaniche (radici, cortecce, fiori, erbe e spezie) nel vino e sorseggiavano la miscela come bevanda medicinale.

Fu solo verso la metà del 17° secolo, però, che queste infusioni furono chiamate vermouth.

La parola “vermouth” deriva dal tedesco wermut che significa assenzio (un botanico essenziale in molte ricette di vermouth). Si divise ufficialmente nelle sue due categorie distintive di rosso e bianco nel 1786, quando Antonio Benedetto Carpano creò il suo caratteristico vermouth dolce, che ottenne rapidamente un seguito alla corte reale di Torino.

All’inizio del 1800, Joseph Noilly sviluppò il suo vermouth secco proprietario in Francia.

Con la crescita della popolarità del vermouth, la sua identità di bevanda medicinale svanì e le persone iniziarono a berlo invece come aperitivo prima di cena o ad usarlo nei cocktail.

Alla fine del 1800, l’America prese il vermouth come ingrediente essenziale per i cocktail, utilizzandolo in bevande come il Martini (creato per la prima volta nel 1860) e il Manhattan (inventato intorno al 1874).

A quel tempo, i baristi erano pesanti con il vermouth, ma alla fine la moda svanì e la gente si dimenticò del vermouth.

Di recente, tuttavia, i vermouth artigianali hanno conosciuto una rinascita in America.

 

Vermouth Rossi: Come è fatto il vermouth?

Esistono molti tipi di vermouth rossi, quindi il metodo di produzione esatto varia da marca a marca.

Il processo inizia sempre con il vino.

Anche se tecnicamente puoi fare un vermouth con qualsiasi vino, è tipicamente ottenuto da uve come Clairette blanche, Piquepoul, Trebbiano, Bianchetta e Trevigiana.

I produttori di vermouth creano un vino a basso contenuto alcolico da una o un mix di queste uve, quindi aggiungono uno spirito neutro, rendendolo un vino fortificato.

In alternativa, può essere ottenuto da mistelle, in cui lo spirito viene mescolato con il succo d’uva prima della fermentazione.

Nel caso dei vermouth dolci, a questo punto viene aggiunto anche lo zucchero (fino al 15 percento).

Quindi il vino viene mescolato con prodotti botanici, soprattutto assenzio.

Altri aromi frequenti includono camomilla, coriandolo, ginepro, genziana e corteccia di china.

I produttori lasciano riposare la miscela per vari periodi di tempo, prima di filtrare e imbottigliare il vermouth.

 

Vermouth Rossi: elenco completo, tipologie e stili presenti nel 2022

Anche se in questo articolo ci siamo indirizzati sui Vermouth Rossi, abbiamo voluto integrare l’elenco anche con quelli bianchi, per dare cosi un quadro generale aggiornato.

– Vermouth bianco: anche se l’Italia si diletta sicuramente nel vermouth bianco ogni tanto, è prodotto principalmente in Francia, tipicamente con una radice amara nota come genziana. Esistono due categorie principali di vermouth bianco francese: blanc e dry.

– Blanc o Bianco: uno stile di vermouth incolore, erbaceo e leggermente asciutto.

I vermouth Blanc (in francese) o bianco (in italiano) non erano molto conosciuti negli Stati Uniti fino a tempi abbastanza recenti.

Il vermouth blanc è più dolce del suo pari francese, il vermouth secco, ma non è così dolce (o speziato) come il vermouth rosso. Mentre il vermouth bianco tende ad essere vanigliato, gli imbottigliamenti blanc spesso presentano aromi floreali come il fiore di sambuco insieme a leggeri sapori di frutta.

Lo stile è stato originariamente sviluppato da Dolin e da allora ha ispirato altri produttori, tra cui Martini & Rossi, il cui bianco è il suo prodotto più venduto, sostenuto da una domanda europea incredibilmente alta.

Secco: ultraleggeri e dal sapore quasi salato, i vermouth secchi erano originariamente diffusi in Francia, ma decollarono davvero negli Stati Uniti durante il boom del Martini dell’era “Mad Men”.

Produttori famosi includono Noilly Pratt e Dolin.

 

Ecco i Vermouth Rossi:

Vermouth Rossi: i vermouth rossi dolci, speziati e solo un po’ erbacei sono prodotti principalmente in tutta Italia.

Pensa al chai latte alla vaniglia, alle sigarette di chiodi di garofano, alle pesanti spezie invernali e ai fiori aromatici come le violette.

I vermouth dolci tipici contengono tra il 10 e il 15 percento di zucchero (al massimo il 15 percento secondo la legge dell’UE).

Mentre originariamente i vermouth rossi erano fatti con una base di vino rosso, oggigiorno molti produttori usano il vino bianco e tingono il risultato finale con altri ingredienti o coloranti al caramello.

Sebbene per anni gli americani abbiano usato quasi interamente questo stile di vermouth per mescolare cocktail come Negronis, Manhattans e Vieux Carrés, gli Stati Uniti sono attualmente sul punto di ricevere alcuni marchi di vermouth dolci molto buoni e molto bevuti come Carpano Antica.

 

Quinquina: Pronunciato kenKEEnah, quinquina è aromatizzato con corteccia di china amara.

Era tradizionalmente usato nel Vespro prima che scomparisse dal mercato.

Ora, grazie all’attuale rinascita del cocktail, sta tornando sugli scaffali.

 

Americano: invece della corteccia di chinchona, vengono fatti gli americani

L’americano viene assemblato con il Moscato di Asti e aromatizzato con una combinazione di radice di genziana e assenzio.

L'”amer” nella radice della parola si riferisce alla parola latina per amaro, piuttosto che all’America. Cocchi è responsabile della divulgazione di questo stile di vermouth.

 

Vermouth Rosé o Rosato: La novità degli ultimi anni

Rosé o Rosato: Abbastanza nuovo sul mercato, il vermouth rosé è, come ci si potrebbe aspettare, a metà strada tra un vermouth rosso e uno bianco per sapore e colore.

Questo sapore ibrido deriva dall’utilizzo di vini rossi e bianchi nella base.

Americano o occidentale: negli ultimi anni, l’America non solo ha iniziato a consumare più vermouth, ma ha anche iniziato a crearne uno proprio per rivaleggiare con i produttori europei.

Che vanno dal secco al dolce, questi vermouth incorporano tutti i tipi di botanici e aromi coltivati ​​localmente.

 

Come faccio a bere il vermouth dritto?

Italiani, spagnoli e francesi bevono spesso il vermouth come aperitivo on the rocks con un twist di limone (se è vermouth bianco) o un twist di arancia (se è vermouth rosso).

A volte viene aggiunta una spruzzata di soda o spumante per fare uno spritz leggermente alcolico.

 

Notevoli cocktail di Vermouth

Manhattan: Lo sai. Lo ami.

Il Manhattan è uno di quei classici stand-by che ogni barista (dilettante o professionista) dovrebbe padroneggiare. A base di vermouth dolce, whisky e bitter, è perfetto prima, dopo o durante un pasto.

 Vieux Carre: una versione di New Orleans della Manhattan in cui il whisky viene sostituito dal cognac e un tocco di benedettino. Questo non è per i deboli di cuore.

Negroni: La santa trinità di gin, Campari e vermouth rosso dolce è il cocktail da aperitivo per dominare tutti gli altri. Il miglior consumato sulla Riviera Ligure con un pizzico di sole.

Se preferisci i distillati marroni al gin, prova il Boulevardier, una variante del Negroni a base di segale.

Bamboo: dal famoso Grand Hotel di Yokohama, in Giappone, questo classico è un ottimo aperitivo pomeridiano.

Il cocktail combina l’eleganza del vermouth Noilly Prat Dry con un funky sherry Amontillado.

Vesper: Se stai cercando di puzzare il bar con un po’ di classe, il Vesper fa magie.

È fatto sia con gin che con vodka, quindi puoi provare tutti i tipi di abbinamenti di gin e vodka.

Puoi ringraziare James Bond per questo, dal momento che la bevanda è apparsa per la prima volta in Casino Royale di Ian Fleming.

50/50 Martini: Per i veri amanti del vermouth, questa variante del Martini richiede quantità uguali di gin e vermouth dry, lasciando davvero brillare il vino aromatizzato. Con 1,5 once di vermouth, assicurati di scegliere un imbottigliamento di qualità.

Vermouth Rossi: l’avvento del Bag in Box

Nel 2022 è possibile trovare Bag in Box di Vermouth rossi come il Negroni. A breve disponibile nel nostro shop online.

Ma perché in Bag in Box?

Grazie al sottovuoto puoi versare i tuoi drink in qualsiasi momento, senza necessità di aprire una bottiglia. La valvola del rubinetto non consente in alcun caso di far entrare aria all’interno garantendo ai tuoi cocktail di non subire alcun tipo di ossidazione o contaminazione con l’ambiente esterno.

La sacca composta da uno specifico materiale idoneo al contatto alimentare preserva la qualità dei tuoi cocktail bicchiere dopo bicchiere, indipendentemente dalla frequenza di utilizzo, in un ambiente asettico per molto tempo dopo l’apertura.

 

Team Sommelier Shopbaginbox

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop
    Apri Whatsapp
    Hai bisogno di aiuto?
    Ciao, posso aiutarti?