Veneto Rosso: Guida completa per neofiti e per esperti del settore

Veneto Rosso: Guida completa per neofiti e per esperti del settore

Veneto Rosso: Guida completa per neofiti e per esperti del settore

Veneto Rosso: Guida completa per neofiti e per esperti del settore

Veneto rosso: La regione italiana del Veneto ha colpito l’oro con il suo Prosecco, che ha portato a un certo calo della sua produzione di vino rosso. Ma, scrive Veronika Crecelius, il Veneto è sempre stato una potenza commerciale e questo ha portato nella regione una ricchezza di varietà, che hanno tutte i loro punti di forza.

Il Veneto occupa una posizione privilegiata nel settore vitivinicolo italiano.

È la regione d’Italia che non solo produce più vino, ma ha anche il maggior numero di esportazioni.

Ciò è dovuto in gran parte alla mentalità dei veneti: sono imprenditori intelligenti e molto efficienti.

Tra le Dolomiti e la costa adriatica si concentra la maggior parte delle vendite del Paese.

Veneto Rosso: Guida completa per neofiti e per esperti del settore

 

Veneto Rosso: Le cantine più importanti del settore

Il Gruppo Italiano Vini (GIV) ha sede a Calmasino, in provincia di Verona, e, con 15 vigneti storici in portafoglio, è in testa alla classifica delle vendite.

Casa Vinicola Zonin, che appartiene all’influente imprenditore privato e presidente di banca Gianni Zonin, è tra le prime 15, così come Casa Vinicola Botter, fabbrica di imbottigliamento Enoitalia, e Cantina di Soave, la più grande azienda vinicola cooperativa del Paese.

C’è anche il Santa Margherita Wine Group, che ha dato il via alla trionfale avanzata del Pinot Grigio nel mercato statunitense.

Veneto Rosso: Il centro del potere della produzione del vino rosso Italiano

Il Veneto è il centro di potere dell’industria vinicola italiana. Vinitaly, la più grande fiera del vino del mondo, si svolge ancora a Verona nonostante le infrastrutture della città non siano più in grado di far fronte al crescente afflusso di visitatori.

I tentativi della Lombardia di trasferire la fiera nel ben più confortevole quartiere fieristico di Milano sono falliti a causa della resistenza della locale lobby del vino. Per quanto scomodo possa essere per il resto del mondo del vino, Vinitaly rimarrà sempre a Verona.

Il primato del Veneto sta nella natura delle cose, unita al senso degli affari dei suoi abitanti.

La regione confina a est con il Friuli-Venezia Giulia, a nord-ovest con il Trentino-Alto Adige, a ovest con la Lombardia e a sud con l’Emilia-Romagna e il mare.

La punta settentrionale della regione abbraccia il confine austriaco.

 

Veneto Rosso: Elenco dei vitigni che ne fanno parte 

Un’incredibile diversità di vitigni prospera in queste condizioni climatiche e del suolo variabili.

Tre quarti dei vigneti del Veneto sono impiantati con vitigni autoctoni come Glera (Prosecco), Garganega (Soave), e le uve Amarone Corvina, Corvinone, Rondella, Molinara e Oseleta (Veneto Rosso), solo per citarne alcuni.

A ciò si aggiungono i vini varietali ricercati a livello internazionale come il Pinot Grigio e il Merlot, coltivati ​​anche in Veneto da circa 150 anni.

La zona offre le proprie tipologie e categorie di vino per soddisfare ogni segmento e ogni gusto. Questa è la chiave del suo successo nel settore delle esportazioni.

Le società commerciali, fenomeno anch’esso veneto che si trova raramente o per niente in altre regioni, hanno aperto precocemente i mercati di esportazione.

 

Veneto Rosso: Un pò di storia a partire da Venezia

Per comprendere il radicato carattere mercantile del Veneto, basta guardare alla Repubblica di Venezia.

Dal VII e VIII secolo in poi, fino al suo scioglimento da parte di Napoleone nel 1797, la Serenissima fu una potenza marittima e commerciale che, circa 800 anni fa, commerciava di tutto e di tutto non inchiodato, compresa la compravendita di vino e viti.

Ciò ha portato alla grande ricchezza di varietà nella regione.

Oggi, secondo il Ministero delle Politiche Agricole, il Veneto vende all’estero circa il 62% della sua produzione vinicola.

Ciò significa che questa sola regione è responsabile di oltre il 30% del valore totale dell’export dei vini italiani (Veneto Rosso).

Nel 2013, gli italiani del nord hanno generato quasi 1,6 miliardi di euro (2,2 miliardi di dollari) di entrate all’estero.

 

Veneto Rosso: Più Prosecco, meno vino rosso

Il boom mondiale e la redditività del Prosecco hanno portato negli ultimi anni a un calo, soprattutto nel nord-est del Veneto, della coltivazione di alcune varietà rosse, come il Raboso acido del Piave, oltre a Merlot e Cabernet Sauvignon (Veneto Rosso).

Il rapporto tra vino bianco e rosso prodotto attualmente è compreso tra il 70% e il 30%. In controtendenza sono il Bardolino vicino al Lago di Garda, con i suoi vini rossi fruttati e leggeri, e il sempre più apprezzato rosato Chiaretto, e, soprattutto, il Valpolicella, la zona DOC e DOCG di maggior successo e prestigio della regione. Il suo vino cult è l’Amarone, ottenuto dal mosto di uve appassite per tre o quattro mesi.

 

Veneto Rosso: l’importanza del Recioto

Il diretto antenato dell’Amarone è il Recioto, anch’esso vinificato dal mosto di uve appassite.

Nel caso del Recioto della Valpolicella, invece, la fermentazione viene interrotta quando è ancora presente un elevato residuo zuccherino, creando un opulento vino da dessert.

La leggenda vuole che l’Amarone sia nato nel 1936 per negligenza di un cantiniere: nei sotterranei di Villa Mosconi a Negrar, sede della Cantina Valpolicella Negrar, il cantiniere, Adelino Lucchesi, aveva dimenticato una delle botti di Recioto e lasciato fermentare troppo a lungo. Il suo capo, Gaetano Dall’Ora, ha provato il vino e si accorse di avere al palato un “recioto piuttosto amaro”, ma comunque un vino meraviglioso.

Lo chiamava “Amarone” (amaro = amaro in italiano).

Nel 1939 questo primo Amarone Extra della Valpolicella viene imbottigliato ed etichettato.

Certo, l’Amarone non è amaro, ma è un vino caldo, morbido, di alto estratto, con una gradazione alcolica di circa il 15% e una gamma di aromi abbagliante. Suo fratello minore è il Ripasso, un tipico Valpolicella fruttato, croccante, dal sapore di ciliegia, che viene lasciato riposare sulle vinacce dell’Amarone per 15-20 giorni. Q

uesto rende il vino più rotondo, facendogli perdere acido e guadagnare alcol, sostanze fenoliche ed estratto, senza perdere il suo originale fruttato.

Meno costoso del pregiato vino Amarone, la sua produzione è esplosa, spronata dal suo enorme successo di mercato.

La sua quantità è sempre vincolata a quella dell’Amarone: più Amarone viene prodotto, più residuo è disponibile per il Ripasso.

È possibile produrre fino al doppio di Ripasso rispetto all’Amarone.

Immagine rimossa.

 

veneto rosso

 

Veneto Rosso e l’avvento della guerra fredda “Veneta”

Il significativo aumento della produzione di queste due categorie ha portato a preoccupazioni per la qualità, il prestigio e il prezzo.

Nel 2010 il Consorzio ha introdotto vincoli su nuovi impianti e rese, e negli ultimi tre anni la produzione di Amarone è rimasta stabile.

Per alcuni produttori, però, quasi 14 milioni di bottiglie sono già troppe.

Nel 2009 un gruppo di marchi privati, perlopiù tradizionali, decide di diventare “soccorritori d’onore” dell’Amarone e fonda l’associazione Le Famiglie dell’Amarone d’Arte: Allegrini, Masi, Tommasi, Tedeschi, Speri, Musella, Begali, Brigaldara , Zenato, Nicolis, Venturini e Tenuta Sant’Antonio (Veneto Rosso), Cantina Valpantena,

Le preoccupazioni di queste 12 aziende vinicole di prim’ordine possono essere brevemente riassunte come segue: queste case affermano di aver costruito la reputazione e il successo dell’Amarone, e ci sono voluti molti anni prima che l’Amarone fosse nominato contemporaneamente al top affermato d’Italia vini, Barolo e Brunello.

Quando il prodotto ha iniziato a prendere piede, le cantine cooperative, che sono in grado di produrre quantità maggiori a un prezzo più basso, sono saltate sul carro.

Loro – e ovviamente il Consorzio – sono accusati di sovraproduzione dell’Amarone e di rischio di erosione dei prezzi.

Lo scorso anno il Consorzio ha voluto cancellare un articolo dalla norma, “dimenticata” nei decenni da quando è stata creata e non è stata applicata, relativa al divieto di coltivazione nelle valli.

Le valli sono state piantate per molto tempo, quindi il Consorzio ha voluto legalizzare questa realtà cancellando l’articolo.

Ciò ha provocato una grande tempesta di proteste da parte delle famiglie dell’Amarone, garantendosi molta attenzione mediatica. Hanno spiegato che ciò potrebbe aumentare la produzione del 30% e hanno presentato un’obiezione al ministero dell’Agricoltura.

Le famiglie dell’Amarone sono state tutte lontane dalla presentazione dell’annata organizzata dal Consorzio, l’Anteprima Amarone 2010 a fine gennaio a Verona, ma hanno invitato giornalisti selezionati che si erano recati lì da tutto il mondo per degustare i loro vini presso la mitica Bottega del Vino allo stesso tempo.

 

Guerra fredda tra famiglie e consorzio

La Guerra Fredda tra il Consorzio e le famiglie ha così raggiunto per il momento il suo apice.

“I rapporti tra noi sono congelati.

È semplicemente sbagliato affermare che la produzione aumenterà con la cancellazione di una minuscola clausola, nemmeno di un ettaro, perché abbiamo introdotto il vincolo di coltivazione anni fa.

L’intenzione è semplicemente quella di cancellare dalle regole un articolo obsoleto che non è mai stato applicato”, ha affermato Olga Bussinello, direttrice del Consorzio.

“Inoltre, la posizione di mercato di Amarone e Ripasso è buona.

In Giappone, l’Amarone si sta trasformando in un prodotto di moda.

Il commercio con la Russia procede magnificamente, anche perché abbiamo facilitato il commercio attraverso accordi doganali.

Dopo il successo nei paesi nordici, Ripasso è in procinto di conquistare i ristoranti in Polonia, solo per citare gli sviluppi recenti”.

 

Veneto rosso: la potente cantina di Soave 

La potente Cantina di Soave (6.000 ha) che, in qualità di maggiore produttore, rappresenta circa il 50% della produzione della Valpolicella, si scrolla di dosso le accuse delle famiglie Amarone.

“La Valpolicella è diventata troppo golosa.

Ad esempio, i nostri membri possono utilizzare solo dal 22% al 23% di uve Valpolicella per la produzione di Amarone, invece del 50% consentito dalla legge”, afferma Bruno Trentini, direttore generale di lunga data dell’azienda. “Se consentissimo l’utilizzo del 50%, con le capacità attuali, ciò comporterebbe un drastico crollo del prezzo e il mercato ne risulterebbe devastato.

È necessario tenere presente l’equilibrio economico e produttivo di una denominazione. Come ha sempre fatto lo Champagne”.

Nonostante il vincolo volontario nella produzione dell’Amarone, la Cantina di Soave non può impedire ai membri della cooperativa di guadagnare qualche soldo in più altrove. Affittano formalmente una parte della loro superficie, ma di norma la coltivano da soli e vendono il 50% consentito dell’uva a cantine private.

 

Veneto Rosso: Casa Vinicola Sartori a Negrar

Casa Vinicola Sartori a Negrar genera l’84% del suo fatturato annuo di 43 milioni di euro (59,5 milioni di dollari) all’estero. Andrea Sartori, comproprietario e responsabile commerciale dell’azienda, vede ancora un enorme potenziale di vendita per i vini della Valpolicella.

“Ho molta fiducia nell’Amarone perché le sue proprietà organolettiche lo rendono un prodotto a misura di consumatore. È morbido, fruttato e facilmente accessibile.

Inoltre, è poco conosciuto in molte parti del mondo, ad esempio in Asia. Anche negli Stati Uniti c’è ancora molto spazio per lo sviluppo del mercato”, dice, aggiungendo che il vino ha una forte personalità, ma non dovrebbe essere troppo pesante per l’alcol.

“Una gradazione del 16%, ormai diventata più diffusa, è troppo alta, soprattutto perché il vino va bevuto anche a tavola.

I produttori hanno diverse opzioni per intervenire a favore dell’eleganza, ad esempio utilizzando tempi di essiccazione più brevi”.

Veneto Rosso: l’eccellenza del vino Valpolicella

I segnali indicano ancora una crescita per la Valpolicella, ma se la denominazione non svilupperà più concetti di qualità o identità per il futuro, la situazione potrebbe cambiare molto rapidamente.

«Quello che oggi porta fortuna in Valpolicella, potrebbe presto rivelarsi pericoloso per la denominazione», afferma il dottor Emilio Pedron, ex presidente del Consorzio e attuale presidente dello storico marchio dell’Amarone Bertani.

“Per quanto riguarda l’appassimento [l’appassimento delle uve], il focus è su un metodo di produzione piuttosto che sulla qualità e sul carattere territoriale delle uve e del vino.

Ma chiunque, ovunque, può applicare una tecnica e questo sta già accadendo”.

Da oltre 150 anni questo classico è garanzia di massima qualità e continuità, al di là di tutte le mode.

La Valpolicella si trova quindi di fronte a un compito grande, inevitabile e forse dovuto: la produzione dell’Amarone deve essere valutata in modo più specifico in base alle caratteristiche delle zone di coltivazione e il Consorzio deve elaborare corrispondenti disciplinari di produzione.

Per garantire il suo futuro, Amarone ha bisogno di luoghi definiti per proteggere ed esprimere al meglio la sua identità.

GAZINE. TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Sommelier Raffaele Forciniti 

Team Shopbaginbox.it 

Negozio online più specializzato in Italia nella vendita del vino sfuso confezionato in Bag in box

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop
    Apri Whatsapp
    Hai bisogno di aiuto?
    Ciao, posso aiutarti?