Refosco: I consigli fondamentali del Sommelier

Refosco: I consigli fondamentali del Sommelier

Refosco: i consigli del Sommelier per saperlo acquistare

Se ti trovi a leggere questo articolo, significa che stai cercando di saperne di più sul Refosco.

Ma che cos’è il Refosco?

Il nostro team di Sommelier ha scritto proprio per te una guida specializzata per conoscere questo straordinario vitigno autoctono del Friuli e per saperlo acquistare senza incorrere in errore.

Che cos’è il Refosco?

Il Refosco è un vitigno friulano e le sue origini si collocano nelle zone carsiche ed istriane.

Era già conosciuto nel 1700, ma solo negli ultimi decenni si è diffuso in tutta la regione, sostituendo altri refoschi, più produttivi ma di minor pregio.

Il Refosco è noto come Terrano ed è la sessa varietà del Mondeuse francese ( questa varietà è coltivata in Francia nella Savoia, negli Stati uniti inclusa la California, in Svizzera, Argentina e in Australia, dove è la principale varietà usata per un vino fortificato simile al Porto).

Perché si chiama Refosco dal Peduncolo Rosso?

Perché si chiama Refosco dal Peduncolo rosso?

Come puoi vedere dalla foto, l’uva del Refosco si chiama dal “Peduncolo rosso” a causa del “pedicello” che tiene l’acino, il quale cambia colore, diventando rosso appunto, poco prima della vendemmia.

Caratteristica unica che contraddistingue questo straordinario vitigno dalle altre Vitis Vinifere.

 

Quante tipologie di Refosco esistono?

Oltre al Refosco dal Peduncolo rosso troviamo:

  • Il Refosco Nostrano: Refosco di Faedis e  Refoscone, sono suoi sinonimi, diffuso da sempre in tutto il Friuli-Venezia Giulia, noto per la sua grande produttività, oggi abbandonato per far posto al nobile “Refosco dal Peduncolo Rosso”
  • Il Refosco gentile (o di Rauscedo) allevato a San Vito e in tutta la provincia di Pordenone.
  • Il Refosco d’Istria: il celebre vino Terrano del Carso triestino.
  • Refosco Guarnieri, che a differenza degli altri è di origine veneta.

Quali sono i fattori che determinano la qualità del Refosco?

refoscoOgni vitigno ha le sue caratteristiche che lo rendono unico nel suo genere, d’altro canto esistono dei fattori che influenzano la sua qualità:

Il clima:

Il clima , simile a quello dell’area nordoccidentale dell’Italia, con estati cale e inverni freddi e secchi.

A causa delle imprevedibili variazioni climatiche che si verificano di anno in anno le indicazioni delle annate rivestono molta importanza;  elementi fondamentali per la qualità del Refosco che, non teme la nebbia, mentre ovviamente, la grandine si.

Esposizione del vigneto:

I vigneti normalmente sono posti nelle pianure alluvionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, i migliori sono sempre quelli disposti in zone collinari.

Morfologia del terreno:

Anche il terreno è un fattore da non sottovalutare per produrre un Refosco di qualità.

Molti terreni si trovano su morene glaciali: una misura granulosa di sabbia, ghiaia e sedimenti depositati durane l’era glaciale. I luoghi migliori dove cresce il Refosco sono spesso marnosi e ricchi di calcio.

Viticoltura e vinificazione:

Il Nordest ha condotto l’Italia verso le moderne tecniche di vinificazione, infatti è stata la prima area a usare la fermentazione a freddo e, inizialmente, i vini erano così puliti da perdere le loro caratteristiche.

Oggi è in atto una nuova sperimentazione per incrementare l’intensità del sapore attraverso l’uso di legno nuovo di rovere.

Un ottimo Refosco: Quali sono le caratteristiche che deve avere ai fini di una degustazione

Non sai se il Refosco che hai acquistato sia un vino di qualità? I nostri esperti sommelier hanno inserito qui di seguito una degustazione che fa presagire sicuramente ad un prodotto di qualità:

<< Il Refosco dal Peduncolo Rosso dà un vino di colore rosso rubino profondo, con profumi intensi e fruttati, con note di marasca e frutti di bosco. La grande persistenza gusto-olfattiva conferma un sapore disposto su una struttura piena, leggermente tannica e amarognola >>

Vorresti saperne di più su come degustare un vino è di qualità? Leggi anche il nostro articolo.

Differenze principali tra il Refosco Veneto e quello Friulano

Quando ci troviamo di fronte ad un Refosco prodotto nel Veneto e uno prodotto nel Friuli sorgono delle differenze importanti che non bisogna confonderle con la qualità.

Il Refosco dal Peduncolo Rosso è tipico del Friuli come abbiamo visto ma, esistono anche del veneto dei produttori che lo producono di alta qualtà

La differenza principale  è l’aspetto gustativo: quello Friulano è più secco e robusto, mentre quello veneto è più abboccato e morbido.

Refosco da Peduncolo Rosso: il successo del formato Bag in Box nel 2018

Sappiamo benissimo che il miglior Refosco dal Peduncolo Rosso è Friulano.

Quest’anno ti consigliamo il “Refosco dal Peduncolo Rosso Tao 2013 Pierpaolo Pecorari” che ha ottenuto i 5 grappoli della guida Bibenda. Ovviamente è un vino che se si porta a tavola tutti i giorni si deve mettere una bella mano nel portafoglio.

Se desideri poter degustare ogni giorno questo ottimo vino, un pò meno strutturato e leggermente più abboccato, ti consigliamo il Refosco dal Peduncolo Rosso di Forniz & Forniz confezionato nel formato in Bag in Box.

Un prodotto che dal punto di vista qualità e prezzo è stato molto apprezzato dai nostri esperti sommelier, tanto che lo hanno inserito nel catalogo online.

Qui di seguito abbiamo riportato le caratteristiche del vitigno e ti abbiamo inserito anche il link diretto per poterlo acquistare.

Ah dimenticavamo… è la prima volta che senti parlare del formato Bag in Box? Ti consigliamo di leggere il nostro articolo

bag in box verduzzo: Vendita vino sfuso online

Confezione: Bag in Box 5 Litri
Cantina: Azienda agricola Forniz & Forniz
Zona di Produzione: Ormelle (Treviso)
Uvaggio: Refosco dal Peduncolo Rosso
Alcol: 12%vol
Colore: rosso rubino intenso. Col tempo assume eleganti sfumature granate.
Profumo: vinoso-fruttato, con netto sentore di mora, lampone, mirtillo e sottobosco
Sapore: leggermente erbaceo, fruttato, su uno sfondo leggermente amarognolo.
Abbinamenti: Arrosti di carne rossa, pollame, cacciagione e selvaggina, formaggi stagionati.

“Se desideri provare questo prodotto clicca il link qui di seguito, ti indirizzeremo nella pagina del prodotto”

    << Bag in Box Refosco dal Peduncolo Rosso >>

Vendemmia 2017: Calo della produzione del Refosco, ma più qualità.

La vendemmia 2017 come sai è stata pessima dal punto di vista quantitativo con cali di produzione fino al 30% (in toscana). mentre il Friuli e il Veneto hanno riscontrato una perdita del 15%.

Il Refosco del 2018 si troverà in minore quantità ma, con un alto livello qualitativo: vini più strutturati e morbidi.

L’unica pecca come nel resto d’Italia è l’aumento del prezzo al litro che nel 2018 si aggira del 20% in più rispetto al 2017.

Conclusione

Il Refosco dal Peduncolo Rosso è un vino unico e dalle caratteristiche straordinarie, vale la pena assaggiarlo, ideale per piatti robusti, come selvaggina e formaggi stagionati, salumi (crudi e cotti), grigliate, arrosti e paste ripiene ben condite.

Speriamo che questo articolo ti sia stato utile, per qualsiasi ulteriore informazione puoi commentare qui di seguito.

Team Sommelier Shopbaginbox

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *